I gioielli antichi hanno un valore che dipende dalla domanda di mercato e dalla loro richiesta, pertanto pezzi unici e introvabili oppure di gran prestigio come quelli indossati dalle celebrità internazionali ne aumentano il valore di mercato.

Anche quando si parla di gioielli antichi o vintage è bene sapere come stimarne il valore, conoscendo le caratteristiche da valutare. Innanzitutto, si distingue solitamente tra gioielli antichi e vintage, riferendosi con i primi a pezzi che hanno dai 100 anni in su e con i secondi dai 50 ai 100 anni.

Considerando poi i vari periodi storici, ci sono specifici stili artistici che aumentano il valore dei gioielli e la loro popolarità. Tra i gioielli antichi di maggiore valore sul mercato abbiamo quelli che risalgono al periodo Georgiano (1714-1837), Vittoriano (1837-1901), Belle Epoque (1890-1915), Art Nouveau (1890-1910). Edwardiano (1901-1920), della Art Deco (1920-1935) e Retrò (1935-1940).

Come iniziare a collezionare gioielli antichi

Se muovi i primi passi nel mondo dei gioielli antichi devi sapere che per iniziare a collezionare, vendere o acquistare questi oggetti puoi partire da pezzi semplici. Un esempio sono le collane di perline, che rappresentano un bel modo per avviare la tua collezione di gioielli antichi: sembrano moderne, ma sono antiche e accessibili a tutti con un valore tra i 300 e i 500 euro.

Un’alternativa sono gli orecchini bizantini d’oro a mezzaluna traforata che da sempre fanno parte delle aste di gioielli del passato o l’anello in filo d’oro tipico del primo Medioevo. Parlando, invece, di gioielli antichi del Mediterraneo e in particolare Egizi devi sapere che l’argento era estremamente raro e veniva apprezzato più dell’oro. Quest’ultimo era impiegato puro al 93% e a caratura molto alta, anche di 24 carati, ottenendo una tonalità dorata e una consistenza anche migliore rispetto a quella dei gioielli moderni.

Gioielli antichi: come si stima il valore

Per stimare il valore dei gioielli, oltre all’analisi dettagliata del pezzo, vanno indicate le dimensioni e caratteristiche della gemma, il metallo utilizzato e il peso accompagnando ogni descrizione da note esplicative e dal nome del perito che ha fatto la valutazione.

Inoltre nei documenti di stima del valore di un gioiello antico è bene indicare strumenti e tecniche adottati, ad esempio la misura della densità relativa quando si pesano i carati delle gemme incluse nei gioielli. Difficilmente, infatti, è sufficiente il semplice esame oculare per valutare il pregio di una gemma antica e darne una stima e per scegliere il migliore professionista bisogna valutare il grado di istruzione, le credenziali e la reputazione.

Solitamente la selezione del perito è facilitata dal fatto che la compagnia di assicurazioni accetta solo perizie di esperti selezionati, che dispongono di tutta l’attrezzatura gemmologica come il test elettronico per l’analisi dei diamanti.

Al termine della perizia per la valutazione dei gioielli riceverete un rapporto scritto che attesta la stima dell’oggetto e la foto dello stesso, altrimenti è bene far più foto e catalogarle, archiviandole in un luogo sicuro. Non dimenticatevi d’includere i gioielli antichi nella compagnia di assicurazioni che protegge la casa, dato anche il valore “emozionale” di questi oggetti.

Conclusioni

Antiquariato Europeo conosce ogni tipologia di gioiello antico e sa stimare il suo valore a seconda delle caratteristiche e dello stile a cui appartiene. In particolare acquistiamo gioielli antichi e vintage e valutiamo ogni tuo oggetto con estrema competenza e professionalità. Ricorda che si vendono più facilmente gioielli indossati per poco tempo e non rovinati, anche se è possibile restaurare anche i gioielli antichi come ogni altro oggetto di antiquariato.

Contattaci per valutare i tuoi gioielli antichi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *