Restauro opere d’arte: 5 cose da considerare

Il restauro opere d’arte è un’attività che comprende la manutenzione, il ripristino e la conservazione del patrimonio artistico e può essere effettuato su affreschi, sculture, dipinti, ma anche manoscritti. Tramite questa tecnica il restauratore esperto reintegra le parti mancanti o rovinate dal tempo, anche se l’intervento deve essere comunque visibile agli occhi dell’osservatore.

Parlare di restauro di opere d’arte non significa però limitarsi a considerare un’attività estetica, data l’importanza di preservare e recuperare il valore del patrimonio artistico.  Importante, prima di restaurare un’opera d’arte, indagare sul colore utilizzato in origine se si tratta di un dipinto, i materiali usati se l’oggetto da restaurare è una scultura e così via, per rispettare la storia dell’opera.

Un restauratore esperto come i nostri collaboratori a cui affidiamo ci affidiamo sanno aggiustare la materia per garantire la durata nel tempo dell’opera, senza tuttavia modificarne l’immagine e tiene in considerazione 5 aspetti diversi:

  • Integrazione di lacune
  • Rimozione o meno di aggiunte posteriori
  • Ripristino della superficie pittorica
  • Sostituzione della parte scultorea mancante
  • Mantenimento o rimozione della patina storica

Vediamo questi elementi in modo dettagliato.

Un esempio di restauro opere d’arte: ripristinare la superficie pittorica

Nel caso del restauro di dipinti, il caso più frequente è la necessità di ripristinare parte della superficie pittorica andata persa o rovinata a causa del tempo. Assolutamente da evitare è, però, la ricostruzione dell’immagine originale ovvero il cosiddetto restauro di ripristino dell’opera d’arte in quanto si tratterebbe di falso storico.

Per questo, se affiderai il tuo quadro o mobile o scultura ad Antiquariato Europeo, procederemo con due possibili tecniche di restauro:

  • La tinta neutra: si riempiono gli spazi privi di colore con una tinta neutra a puntini o tratteggio per far capire che si tratta di un restauro e senza alterare l’armonia cromatica del quadro;
  • L’abbassamento di livello: si mostra solo la parte originale dell’opera e la sottostante superficie di supporto, per lasciare all’osservatore il compito di ricreare mentalmente l’immagine intera.

Il restauro d’arte nella scultura

Anche le sculture danneggiate o che presentano parti mancanti si possono restaurare con successo, analizzando in primo luogo se la parte mancante contribuisce o meno alla statica dell’opera.

Se la risposta è affermativa, la scultura da restaurare andrà ricostruita sulla base del disegno originario, ma con materiali differenti per rendere riconoscibile l’intervento di restauro. Se, invece, il pezzo mancante non compromette la statica dell’opera è consigliabile non ripristinarlo, fatta eccezione per il caso in cui venga impedita una visione corretta della scultura artistica.

È importante, infine, ricordare che ogni integrazione in caso di restauro opere d’arte deve essere reversibile e poter essere rimossa senza danni all’opera originaria.

Infine, restaurare una scultura, richiede molto spesso la rimozione o conservazione di una particolare patina, che si deposita sul materiale e contribuisce al valore estetico dell’opera d’arte. Il nostro consiglio è conservare la patina, senza ripristinare la materia nuda e rimuovere solo lo sporco con puliture successive dell’opera d’arte.

Alcuni consigli per conservare le opere d’arte nel tempo

Dopo il restauro di opere d’arte, è bene che il collezionista o il proprietario sappia conservarle accuratamente nel tempo. Generalmente una corretta conservazione di quadri, dipinti e sculture per prevenire un nuovo deterioramento dipende da tre elementi fondamentali:

  • Materiali con cui è realizzata l’opera;
  • Tecnica d’esecuzione
  • Condizioni interne ed esterne del luogo in cui è conservata

Se si tratta di opere veramente importanti sarà necessario acquistare un’apposita teca climatizzata, per mantenere la temperatura e l’umidità su valori ottimali, mentre per le opere di minor valore il consiglio è fare attenzione all’esposizione alla luce e alla eccessiva secchezza o umidità dell’aria nella stanza.

Conclusioni

Rivolgendoti ad Antiquariato Europeo potrai contare su un restauro fatto con la massima professionalità, che mantiene le caratteristiche originali dell’opera d’arte, senza modificare la patina storica, testimonianza della vita dell’opera. In questo modo l’oggetto ottiene nuovo splendore e bellezza.

Ogni restauro di opere d’arte è fatto esclusivamente a mano e con prodotti naturali, mentre i materiali utilizzati sono il più simili possibile a quelli originali e facilmente reversibili.

Contattaci ora per scoprire come portare la tua opera d’arte alla bellezza originaria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHI SIAMO

Antiquariato Europeo nasce nel 1964, quando Umberto Scribano prese la decisione di lasciare il corpo di polizia, dove servì per ventitré anni, per dedicarsi alla sua più grande passione, l’antiquariato. Viene quindi inaugurata la grande galleria espositiva di mille metri quadrati, in via Gregorio VII 272, nel cuore di Roma, a pochi passi da Città del Vaticano.

SOCIAL
CONTATTACI

Via Gregorio VII 272
(Scendere la rampa)
00165
Roma (RM)
Italia

Nuova sede aziendale
Viale Bruno Buozzi, 47
00197 - Roma (RM)
Ufficio aziendale
Solo su appuntamento

Codice Fiscale SCRGLC71T18H501C
Partita Iva 13314331003
REA 144630

Privacy Policy

Cookie Policy

Torna su