Antiquariato a Pescara: vendita, valutazioni e stime

Pescara è il comune più popoloso della regione Abruzzo ed insieme a L’Aquila ospitano gli uffici del consiglio, della giunta e degli assessorati regionali.
Noi di Antiquariato Europeo compriamo, vendiamo e valutiamo l’antiquariato e l’arredo antico di Pescara. Maggiori informazioni alla fine dell’articolo.

Origine del nome

I primi abitanti hanno fondato un villaggio sulle rive del fiume, chiamato Vicus Aterni, attribuendo successivamente il nome di Aternum.
Durante l’età Medievale Aternum ha cambiato nome in Piscaria, nome derivato dalla grande pescosità della zona.

La storia di Pescara

Dalla nascita fino al ‘600

Pescara ha una storia molto antica e le sue origini sono quasi del tutto sconosciute. I primi insediamenti sono avvenuti presso il Colle del Telegrafo, dove sono stati rinvenuti reperti risalenti a più di 5000 anni fa.

Con la caduta dell’Impero Romano d’Occidente le attestazioni sulla storia di Aternum sono sempre più sporadiche; è stato accertato, però, che il porto ha continuato la sua attività fino in età Medievale. Il nome dell’attuale città di Pescara è nato intorno all’anno 1000, quando la vecchia Aternum divenne Piscaria con riferimento alla pescosità della zona.
La città di Pescara ha avuto diverse dominazioni, dapprima fu conquistata dai Normanni (XI sec.), successivamente da Federico II di Svevia (XIII sec.) e dal Regno di Napoli (XII – XIX sec.).

Il ‘700 ed il Regno d’Italia

Nel corso del ‘700 la città ha subito numerosi attacchi ed è stata contesa tra gli Austriaci e i Borbone. Successivamente, grazie all’arrivo di Ettore Carafa, la città è riuscita a resistere all’assedio dei Borbone.
Nei primi dell’800 la città è stata occupata dai francesi. Nel 1814 Pescara è stata tra le protagoniste dei moti carbonari contro l’allora re di Napoli, Gioacchino Murat. Successivamente a questa insurrezione vi è stata la repressione borbonica, durante la quale furono imprigionati molti carbonari.
Con l’annessione del Regno delle Due Sicilie al Regno d’Italia (1861), è stata annessa anche l’intera regione Abruzzo.

Dall’800 ai giorni nostri

Dalla seconda metà dell’800, fino al primo dopoguerra, le città di Castellammare e Pescara sono state fautrici della formazione di una borghesia industriale altamente imprenditrice. Tra le principali famiglie si annotano: Bucco, D’Annunzio, Ricci, Mezzopreti, Farina, Pomilio, Pascale e De Riseis. Il 2 Gennaio 1927, grazie ad un importante incremento demografico, le città di Castellammare Adriatico e Pescara sono state unificate sotto il nome di Pescara, costituendo l’omonima provincia.
Durante la seconda Guerra Mondiale Pescara ha subito grandi danni dovuti sia ai bombardamenti del 1943 che per le razzie e le distruzioni da parte dell’esercito tedesco.

Negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, Pescara ha conosciuto uno sviluppo molto importante, portandola ad essere il centro principale della regione.

Nel 2001 l’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, ha conferito alla città di Pescara la medaglia d’oro al merito civile.

Monumenti, luoghi d’interesse e Antiquariato a Pescara

Cattedrale di San Cetteo - Pescara
Cattedrale di San Cetteo – Pescara

La Cattedrale di San Cetteo è stata completata nel 1938. È stata fortemente voluta da Gabriele D’annunzio, chiedendo a Cesare Bazzani di realizzarne il progetto. La chiesa ospita la tomba della madre di D’Annunzio, Luisa D’Annunzio.
La Cattedrale ha una pianta rettangolare a tre navate, con una facciata in pietra bianca in pieno stile neoclassico.

Palazzo del Governo - Pescara
Palazzo del Governo – Pescara

Il Palazzo del Governo è stato costruito da Vincenzo Pilotti nel 1927. Ha una facciata in pietra bianca ed è decorata da bassorilievi rappresentanti le risorse del territorio della città di Pescara, quali fiume, miniera, agricoltura ed il mare.

Museo Casa Natale di Gabriele D'Annunzio - Pescara
Museo Casa Natale di Gabriele D’Annunzio

Il Museo Casa Natale di Gabriele D’Annunzio si trova nel centro di Pescara, in corso Manthonè 111. Nel 1927 viene dichiarato monumento nazionale e dal 2014 è in gestione al Polo museale dell’Abruzzo.

Antiquariato a Pescara : dove comprare e vendere arredo antico

La città di Pescara offre una varietà di stili artistici non indifferenti, dovuti soprattutto alla sua storia ultrasecolare Per tale motivo non è difficile trovare nelle case dei cittadini un oggetto rappresentante la storia e l’antiquariato di Pescara.
Ricordati di rivolgerti sempre a dei negozi di antiquariato se vuoi acquistare degli articoli autentici o vendere il tuo arredo d’antiquariato risalente alla storia di Pescara. In questo modo gli articoli saranno tra le mani di chi ama l’arte e ne preserverà il valore.

Cosa fare in questi casi? Affidati a degli esperti

Molti optano per la vendita online o vendono tramite i mercatini dell’usato e le case d’asta senza avere un’idea concreta del valore dei propri articoli. Spesso le stime dei mercatini dell’usato non tengono conto del valore reale degli oggetti antichi. 
I mercatini dell’usato e le case d’asta operano, tra l’altro, solo in conto vendita e quindi non acquistano e pagano subito gli arredi di antiquariato in contanti così come fanno gli antiquari. 

Antiquariato Europeo di Gianluca Scribano - Compro e vendo il tuo antiquariato
Galleria espositiva di oltre 1000mq



Noi ti consigliamo di rivolgerti agli esperti di Antiquariato Europeo di Gianluca Scribano per ottenere una valutazione professionale del tuo arredo e per avere un pagamento immediato in contanti. Disponiamo di una galleria di oltre 1000 metri quadri (visitabile su appuntamento), all’interno della quale potrai trovare articoli d’antiquariato di Pescara e non solo.

Visita la nostra pagina Facebook per restare sempre aggiornato sui nuovi arrivi.

Non esitare a contattarci per una valutazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CHI SIAMO

Antiquariato Europeo nasce nel 1964, quando Umberto Scribano prese la decisione di lasciare il corpo di polizia, dove servì per ventitré anni, per dedicarsi alla sua più grande passione, l’antiquariato. Viene quindi inaugurata la grande galleria espositiva di mille metri quadrati, in via Gregorio VII 272, nel cuore di Roma, a pochi passi da Città del Vaticano.

SOCIAL
CONTATTACI

Via Gregorio VII 272
(Scendere la rampa)
00165
Roma (RM)
Italia

Nuova sede aziendale
Viale Bruno Buozzi, 47
00197 - Roma (RM)
Ufficio aziendale
Solo su appuntamento

Codice Fiscale SCRGLC71T18H501C
Partita Iva 13314331003
REA 144630

Privacy Policy

Cookie Policy

Torna su