fbpx

Di origini livornesi e nato nell’ultimo decennio nel 1800 in un contesto familiare tutt’altro che agiato, Giovanni Lomi si affaccia alla carriera artistica piuttosto tardi rispetto ad altri artisti dell’epoca.

Cresce in campagna, dove sviluppa una grande passione per il disegno che esercita ritraendo ciò che lo circonda: gli scorci bucolici, gli animali e le bellezze naturalistiche.

L’incontro con quello che diverrà il suo mentore, il pittore Adolfo Tommasi, sprona Lomi a dedicarsi completamente all’arte nel senso più ampio del termine.

Dai primi riconoscimenti alla fama

Comincia ad ottenere i primi riconoscimenti tra il 1918 ed il 1922, data della sua prima mostra personale a Firenze.
Nel 1919 espone a Milano il dipinto “Vecchi scali livornesi”, una delle sue opere più note. Il dipinto viene acquistato dal Comune di Roma per il museo della capitale.

Da quel momento in poi Lomi partecipa attivamente a molte manifestazioni artistiche organizzate nelle più importanti città italiane, entra a far parte del Gruppo Labronico, formato dai più importanti artisti livornesi del periodo (tra cui i post macchiaioli), e si impegna attivamente nella promozione della sua città e della sua arte non solo in Italia ma anche in Europa.

Nel 1924 ottiene il premio Bechi al concorso Stefano Ussi con l’opera “Ora dorata” e nel 1926 un suo quadro viene esposto a Brighton e acquistato dal museo della città.

I numerosi viaggi che compie all’estero, come membro del Consiglio Direttivo del Gruppo Labronico, contribuiscono ad arricchire il suo bagaglio culturale e gli forniscono svariate ispirazioni e suggestioni rintracciabili nei suoi quadri.

Il sentire del pittore entra nell’opera, si manifesta nelle forme e nelle luci dei paesaggi, nella modulazione graduale dei contrasti e dei colori, si distingue per l’uso pacato della tavolozza, inconfondibile nei suoi lavori.

Le opere di Giovanni Lomi sono essenziali, scevre da sovrastrutture ed intrise di realismo, di quotidianità, ma anche permeati di grande sensibilità.

Valutazione quadri Giovanni Lomi-03

Come valutare le opere di Giovanni Lomi

Le opere di Lomi sono valutate nel mercato artistico in un range che oscilla tra gli 800 e i 2.500 euro.

È perciò importante affidarsi ad un esperto che possa stimare il valore effettivo del pezzo. Che vogliate vendere o comprare, Antiquariato Europeo vi aiuta con valutazioni professionali e veloci, vi basterà anche inviarci le foto dei vostri quadri su whatsapp e vi risponderemo nel più breve tempo possibile.

Pin It on Pinterest

Torna su